FANDOM


Bozza

Questo articolo è una bozza. Puoi aiutare One-Punch Man Wiki cercando di espanderlo.


Genos è il discepolo di Saitama. Nell'Associazione degli Eroi, si trova al quattordicesimo posto della Classe S.

Aspetto Modifica

Possiede un corpo interamente meccanico con l'aspetto di un giovane uomo: ha il volto fatto di un materiale plastico simile alla pelle, i capelli biondi, le orecchie forate e gli occhi composti da sclere nere e iridi gialle. Indossa abiti semplici e senza maniche, così da potere trasformare le proprie braccia senza problemi.

Spoiler

Durante la sua lotta contro Re della Foresta, aggiorna il suo corpo in modo da avere il nucleo di energia esposto nel petto e le braccia dotate di un motore a razzo.

Carattere Modifica

Genos è estremamente serio. Si sforza molto per diventare più forte e assilla spesso Saitama per allenarlo. Dal momento che è diventato discepolo di Saitama, è molto rispettoso e protettivo verso di lui, anche se esprime fastidio e incredulità nell'addestramento banale con cui ha acquisito i propri poteri.

Spesso Genos appare come un paragone comico con Saitama: il cyborg utilizza strategie elaborate, tecniche speciali e tecnologie avanzate per combattere con avversari che Saitama sconfigge con un semplice pugno. Genos si sofferma spesso a pensare che ci sia un qualche segreto dietro i poteri di Saitama.

Nonostante la loro disparità di forza, la diligenza di Genos gli conferisce maggiori riconoscimenti del suo mentore. È abbastanza ricco da migliorare continuamente la tecnologia del proprio corpo e pagare regolarmente l'affitto di Saitama.

Rispetta Saitama sia per il suo potere sia per il suo carattere. Con il tempo, diventa meno serio e inizia a interessarsi di cose che prima non considerava nemmeno, come il senso del divertimento.[2] Non rispetta chi costantemente interrompe o assilla Saitama.

È orgoglioso delle proprie abilità e non accetta che qualcun altro possa superarlo, come quando è ricorso al materiale adesivo per rallentare Awakened Cockroach.

Nonostante riponga molta fiducia nella forza illimitata di Saitama, a volte pensa che egli abbia bisogno d'aiuto per sconfiggere avversari che Genos stesso non riesce a sovrastare, ignorando che il suo mentore esce sempre vittorioso senza subire nemmeno un graffio.

Era una persona seria anche prima di diventare un cyborg.[1]

Abilità Modifica

Come eroe di classe S, Genos è senza dubbio un combattente potente. Per qualcuno della sua età, ha anche una significativa esperienza in battaglia, avendo affermato di avere sconfitto innumerevoli nemici malvagi prima di incontrare Saitama. Nonostante la sua straordinaria crescita, non è ancora in grado di combattere contro le minacce superiore al livello demone.

In quanto cyborg, possiede forza, velocità, resistenza e riflessi straordinari. È inoltre dotato di potenti propulsori nelle spalle che aumentano considerevolmente la sua accelerazione e di numerose armi impiantate nel proprio corpo, come mitragliatrici, cannoni e raggi laser. Dispone di una sfera, detta Core (コア, Koa), che tiene nel petto e gli conferisce immensa forza; ha la possibilità di spostarla e incastonarla nella spalla per potenziare i propri attacchi a distanza. Può emettere una luce accecante dagli occhi e, come ultima spiaggia, un dispositivo di auto-distruzione.

Valutazione da eroe Modifica

Tipo Abilità Resistenza Intelligenza Giustizia Sopportazione Potenza Popolarità Efficienza Combattimento[3] Totale
Macchina9779886963

Storia Modifica

Passato Modifica

All'età di 15 anni, Genos era ancora un umano che conduceva una vita felice e pacifica con la sua famiglia. Un giorno, però, un cyborg impazzito attaccò e distrusse la sua città, uccidendo i suoi famigliari. Miracolosamente Genos sopravvisse e venne trovato dal dottor Professor Kuseno, che stava seguendo le tracce del cyborg. Il ragazzo chiese allo scienziato di trasformarlo a sua volta in un cyborg e Kuseno acconsentì. Genos quindi rinacque come un cyborg per combattere in nome della giustizia e promise al dottore che un giorno avrebbe trovato e distrutto il cyborg impazzito.

Durante i quattro anni successivi, Genos viaggiò di città in città sconfiggendo mostri e organizzazioni malvagie, senza però trovare quel cyborg.[4]

Saga dell'introduzione Modifica

Saga dell'introduzione di Saitama Modifica

Genos segue le tracce di bestiame ucciso fino a Città Z.[5]

Saga della casa dell'evoluzione Modifica

Mentre si scatena a Z City, Mosquito Girl nota che alcune delle sue zanzare sono morte e quindi ne manda altre nello sciame. Esse però vengono spazzate via da Genos, il quale dichiara che la sconfiggerà.[6] Il cyborg quindi spara alla ragazza, che però evita facilmente il colpo e afferra il braccio dell'avversario, il quale le strappa le gambe. Mosquito Girl vola via e chiama a raccolta tutte le sue zanzare affinché le forniscano il loro sangue. Genos, stupito nel vedere tanti insetti riuniti, carica il suo laser. Improvvisamente un uomo corre in strada e il cyborg tenta di avvertirlo, ma Mosquito Girl manda contro di loro uno sciame di zanzare, subito bruciate da Genos. Quest'ultimo nota che il civile è ancora lì e si meraviglia nel constatare che non è ferito. Mosquito Girl, evolutasi, si precipita davanti a Genos, tagliandolo in due. Egli fallisce nell'attaccare, quindi decide di autodistruggersi accanto a lei. Prima che ciò possa accadere, l'uomo schiaffeggia Mosquito Girl, scagliandola lontano attraverso un edificio e uccidendola. Genos, esterrefatto, chiede di essere allenato da lui: il cyborg diviene quindi allievo di Saitama.[7]

Una settimana dopo, Genos si reca all'appartamento di Saitama per discutere del suo apprendistato. Il cyborg racconta il proprio passato, ma il mentore gli dice di tornare quando sarà riuscito a riassumerlo in meno di dieci parole.[8]

Successivamente, Genos chiede a Saitama di insegnargli a essere più forte, quindi egli acconsente affermando che sarà un allenamento difficile. Il cyborg percepisce qualcuno sopraggiungere velocemente e all'improvviso il soffitto viene distrutto da Kamakyuri, immediatamente ucciso da Saitama. I due lasciano l'edificio e si imbattono in Frog Man e Slugerous. Genos dice al suo maestro che si occuperà di loro, ma egli ha già ucciso entrambi. Saitama cade nel pavimento fino al collo e Genos corre in suo soccorso, ma Armored Gorilla sbuca dal muro dietro di loro.[9]

Armored Gorilla quindi attacca Genos, che lo evita facilmente e afferma di volergli chiedere qualcosa. Poi nota che Re delle Bestie si sta avvicinando a Saitama, ancora intrappolato, quindi si precipita da lui. Armored Gorilla lo afferra, venendo però allontanato, quindi attacca ancora il cyborg, che quindi salta lontano; l'avversario rivela la propria identità. Poco dopo, Genos neutralizza Armored Gorilla e Saitama sconfigge Beast King e Ground Dragon. Armored Gorilla, vedendo il suo compagno morto, acconsente a rispondere alle domande di Genos.[10]

Armored Gorilla svela la storia del dottor Genus e della Casa dell'Evoluzione: lo scienziato è interessato al corpo di Saitama e vuole utilizzarlo per dare vita a una nuova umanità. Genos rimane inoltre deluso quando scopre che Armored Gorilla è l'unico cyborg dell'organizzazione. Genos e Saitama si recano alla sede della Case dell'Evoluzione, che il cyborg distrugge subito; poi segue il mentore giù per la via appena aperta.[11]

Lungo il corridoio, Genos percepisce diverse forme di vita, due delle quali si stanno avvicinando a loro a gran velocità. Si tratta di Carnage Kabuto, che trasporta il dottor Genus, il quale ordina al suo sottoposto di eliminare Saitama. Kabuto quindi scaglia Genos contro il muro e sfida a duello il proprio bersaglio. Il cyborg si riprende e attacca ripetutamente il nemico, il quale però gli provoca ingenti danni. Saitama quindi si accinge a colpire Kabuto, che però lo ferma chiedendogli quale sia la fonte della sua forza; la risposta però lo fa infuriare. Saitama lo colpisce uccidendolo, poi si allontana con Genos.[12]

Saga del Gruppo del Paradiso Modifica

Genos si fa riparare da Professor Kuseno e poi si reca da Saitama per proporgli di iscriversi all'Associazione degli Eroi; egli accetta.[13]

Saga dell'Associazione degli Eroi Modifica

Saga della registrazione da eroe Modifica

Genos e Saitama si iscrivono al sesto esame di valutazione per la certificazione degli eroi. Dopo i test fisici e scritti, i due si confrontano e concordano sulla facilità degli esami. Quando Genos ammette di essere responsabile di quanto accaduto alla Casa dell'Evoluzione, viene eccezionalmente promosso a eroe di classe S per i meriti dell'esperienza, ottenendo anche il massimo dei voti. Saitama però raggiunge solo 71 su 100, infastidendo Genos; i due sono poi convocati ad una conferenza per i candidati promossi.[14]

L'eroe di classe A Sneck si congratula con loro e fornisce loro alcuni consigli, a cui il cyborg non è interessato. Genos si mostra felice di potere essere il discepolo di Saitama, che però la pensa diversamente; i due quindi si separano.[15]

Il giorno dopo, Genos comunica a Saitama che si trovano all'ultima posizione dei loro rispettivi ranghi e che non hanno ancora ricevuto un nome da eroe. I due poi iniziano a combattere e, nonostante le potenti armi da fuoco del cyborg, Saitama vince facilmente senza prenderlo sul serio.[16]

I due quindi vanno in un ristorante e Saitama sfida Genos a mangiare cibi piccanti, perdendo. Il cyborg viene raggiunto da Sweet Mask, che gli dà il benvenuto nell'Associazione. Genos e Saitama si allontanano in direzioni diverse. Il cyborg però si volta in direzione dell'appartamento di Saitama; quest'ultimo disapprova, ma cambia idea quando Genos si offre di pagargli l'affitto.[17]

Saga del presunto mostro Modifica

Genos comunica a Saitama che gli eroi di classe C vengono espulsi se non svolgono il proprio dovere. Il suo mentore quindi decide di agire da eroe e, quando Genos si propone di accompagnarlo, lo respinge temendo che attirerebbe tutti i meriti anche solo con la sua presenza.[18]

Saga della meteora gigante Modifica

Genos viene convocato presso l'Associazione degli Eroi, dove il terzo eroe della classe S Bang rivela che è stata ordinata un'evacuazione di massa e che loro due sono gli unici eroi di classe S ad essersi presentati per prevenire il disastro: una meteora si sta avvicinando a Z City. Genos si prepara a distruggere la meteora, ma viene intercettato da un altro eroe di classe S, Bofoi, che però si rifiuta di aiutarlo a fermare la catastrofe. Scoraggiato dall'arrivo di Bang, il cyborg ripensa a Saitama ed estrae il suo Core per impiantarlo nel braccio; l'attacco però fallisce e Genos perde le forze e viene portato via da Bang, mentre Saitama distrugge la meteora.[19] Più tardi, Genos e Saitama commentano le loro nuove graduatorie.[20]

Saga del mostro marino Modifica

Mentre Genos discute con Saitama del recente aumento di livello di quest'ultimo, ricevono una chiamata secondo cui J City è sotto attacco. Nonostante la città sia lontana dalla loro posizione, i due si precipitano lì.[21]

Genos si imbatte in Sonic il Supersonico, che sta fuggendo dopo avere incontrato il Re del mare profondo. Il cyborg raggiunge il centro di evacuazione e avvista quattro eroi sconfitti dal mostro, quindi attacca quest'ultimo, scagliandolo via. La folla lo applaude e Genos abbassa la guardia, ritrovandosi però con un braccio amputato. Poi, per salvare una ragazza, viene colpito dallo sputo acido della creatura, che scioglie parte del suo corpo.[22]

Genos viene quindi scaraventato lontano ma, prima che venga ucciso, Mumen Rider sopraggiunge per fronteggiare il mostro, nonostante il cyborg glielo sconsigli.[23]

Improvvisamente, Saitama li raggiunge e sconfigge facilmente il Re del mare profondo. Mentre la folla festeggia, un cittadino schernisce gli eroi che sono stati sconfitti. Saitama allora decide di difendere la loro reputazione, facendo crescere ulteriormente il rispetto del suo discepolo nei suoi confronti.[24]

Saga dei conquistatori alieni Modifica

Genos e Saitama sono al dojo di Bang, ma il cyborg si rifiuta di unirsi a un allenamento, facendo infuriare Charanko, che quindi lo sfida, venendo però subito sconfitto. Improvvisamente sopraggiunge un membro dello staff dell'Associazione e li informa che si è verificata un'emergenza. Una volta arrivati all'Associazione, gli eroi incontrano Atomic Samurai.[25]

Più tardi, Genos si reca sul tetto dell'edificio con Child Emperor, Superalloy Darkshine, Tatsumaki, e King; il cyborg chiede di potere aiutare, ma Tatsumaki rifiuta.[26] Successivamente, Genos ha un alterco con Tatsumaki per via di Saitama.[27]

Saga di King Modifica

Mentre è con Saitama per le strade di M City, Genos nota la presenza di King, che inaspettatamente viene sfidato dal robot G4. Quando King fugge via, Genos affronta il robot, dicendo a Saitama di proseguire senza di lui poiché impiegherà più tempo del previsto. Sciogliendo G4, Genos scopre che al suo interno c'è un pilota e poi lo sconfigge definitivamente.[28]

Saga del mostro umano Modifica

Saga dell'introduzione di Garou Modifica

Genos si reca dal dottor Professor Kuseno con i resti di G4 da riparare e afferma di volere diventare più forte; i due parlano del cyborg che distrusse la casa di Genos e Kuseno gli ricorda che non è solo in questa battaglia.[29]

Saga del Gruppo Tormenta Modifica

Genos informa Saitama delle loro promozioni, scoprendo che il suo mentore non fa rapporto delle sue imprese. Il cyborg nota che qualcuno si sta avvicinando: si tratta di Sonic il Supersonico e, per non disturbare l'impegnato Saitama, decide di affrontarlo.[30] Sonic però è troppo veloce, quindi Genos colpisce per sbaglio Fubuki, che sta combattendo con Saitama e si stupisce nel sapere che quest'ultimo è il maestro di un eroe di livello più alto.[31] Genos resiste a tutti gli attacchi di Sonic, che si infuria appena l'avversario gli taglia i capelli. Il cyborg, come ultima risorsa, decide di distruggere l'intera area, ma Saitama glielo impedisce e prende il suo posto nello scontro.[32]

Dopo il combattimento, Genos e Saitama tornano all'appartamento con Fubuki per sentire ciò che ha da dire loro.[33]

Saga della caccia all'eroe Modifica

Genos sente da Charanko che Garou è stato inserito nella lista dei ricercati dall'Associazione degli Eroi e che Bang si è proposto di occuparsene in prima persona.[34]

Quando vede Saitama con una parrucca, Genos chiede al dottor Kuseno di trapiantargli i capelli; il suo mentore però spiega che si tratta di un travestimento per partecipare al torneo di C-City e lo invita ad andare con lui.[35]

Saga della razzia dei mostri Modifica

Genos quindi si reca al torneo Super Fight di C-City per vedere in azione Saitama.[36] Mentre applaude per lui, viene notato dal pubblico. Poi, mentre assiste alla vittoria di Saitama contro Zakos, commenta che l'eroe terminerà il torneo senza apprendere alcuna nuova tecnica.[37]

Dopo avere assistito alla vittoria di Suiryu sull'eroe di classe A Lightning Max, Genos si chiede se egli riuscirà a soddisfare Saitama. Il cyborg riceve notizie circa alcuni mostri che attaccano le città e prendono di mira gli eroi. Poiché essi si trovano a C-City, Genos deve fare il suo lavoro di eroe.[38]

Genos elimina i mostri vicino allo stadio e poi riceve una chiamata dell'Associazione circa quelli rimanenti. Il cyborg ne sconfigge molti e si imbatte in Face Ripper prima che possa uccidere un cittadino. Il mostro scheggia una parte del braccio di Genos, che però lo elimina.L'eroe poi viene a sapere dall'Associazione l'ubicazione di Awakened Cockroach.[39]

Durante lo scontro con quest'ultimo, Genos si trova in difficoltà e decide di ricorrere all'adesivo istantaneo per intrappolarlo. Prima che possa ucciderlo, però, Cockroach sacrifica i propri arti per fuggire.[40] Poco dopo, Genos viene sconfitto da Gouketsu.[41]

Saga del Super Fight Modifica

Genos si rialza e decide di chiedere il supporto di un drone di Kuseno per fare ricoverare il suo corpo.[42] Mentre viene portato via, ammette che occorreranno molti eroi di classe S e Saitama stesso per eliminare Gouketsu, senza sapere che quest'ultimo è già stato ucciso dal solo Saitama.[43]

Curiosità Modifica

  • Genos si è classificato al quarto posto nel sondaggio di popolarità dei personaggi.
  • Gli piacciono gli insegnamenti di Saitama e le sardine sott'olio.[1]
  • Non gli piacciono le persone che guardano Saitama dall'alto in basso e gli apparecchi elettronici complicati.[1]
  • I suoi passatempi sono navigare in internet, leggere e scrivere sul suo diario.[1]
  • È il sesto eroe più popolare ed è nella top 5 degli eroi più affascinanti.
  • Le sue lacrime sono fatte d'olio per motori.[1]
  • Fuori dalla battaglia, alcune parti del suo corpo possono diventare utensili:
    • La sua mano destra è dotata di un pelapatate.
    • I suoi palmi possono emettere aria calda per lavare i piatti.
    • Ha un apribottiglie nella spalla destra.
  • Per diventare più forte, Genos porta con sé dei "diari di allenamento" estremamente dettagliati. Una comune gag è che lui immediatamente scrive tutte le "parole di saggezza" e "tecniche di addestramento" di Saitama, ma esse si rivelano solo cose irrilevanti che non hanno nulla a che fare con gli eroi.
  • Taglia le sue maniche perché le sue spalle non c'entrano e perché non gli piacciono. Trova comunque scomode le armi nelle braccia.
  • Si è fatto i piercing solo dopo essere diventato un cyborg.

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 1,5 1,6 1,7 One-Punch Man: Hero Perfection
  2. One-Punch Man Audiobook: I fuochi d'artificio di Genos
  3. Si riferisce alla capacità di utilizzo dell'abilità
  4. Capitolo 7.
  5. Episodio 1.
  6. Capitolo 5.
  7. Capitolo 6.
  8. Capitolo 7.
  9. Capitolo 7.
  10. Capitolo 8.
  11. Capitolo 9.
  12. Capitolo 10.
  13. Capitolo 15.
  14. Capitolo 16.
  15. Capitolo 17.
  16. Capitolo 17.
  17. Episodio 5.
  18. Capitolo 18.
  19. Capitolo 21.
  20. Capitolo 22.
  21. Capitolo 23.
  22. Capitolo 25.
  23. Capitolo 26.
  24. Capitolo 27.
  25. Capitolo 29.
  26. Capitolo 32.
  27. Capitolo 36.
  28. Capitolo 37.
  29. Capitolo 39.
  30. Capitolo 41.
  31. Capitolo 42.
  32. Capitolo 43.
  33. Capitolo 44.
  34. Capitolo 46.
  35. Capitolo 50.
  36. Capitolo 59.
  37. Capitolo 60.
  38. Capitolo 62.
  39. Capitolo 63.
  40. Capitolo 64.
  41. Capitolo 66.
  42. Capitolo 67.
  43. Capitolo 75.